Archivi

La circolazione

In ufficio.
Dalle ore 10.30 alle ore 13.00
TUMP! TUMP! TUMP! TUMP! TUMP!
TUMP! TUMP! TUMP! TUMP! TUMP!

“Secondo te cosa fanno al piano di sopra?”
“Devono avere un macchinario per timbrare, o  qualcosa del genere”
“Perchè che ufficio abbiamo sopra di noi?”
“Un amministrazione di non so quale ditta”
“Secondo me stampano i loghi sulle amfetamine che producono nella ditta che sta nel cortile”
“Oppure stampano soldi falsi”

Dopo una settimana di TUMP! TUMP!

“Secondo me fa ginnastica la sciura dl piano di sopra. Tipo le desperate housewives davanti ai programmi tv di fitness”
“Ma no dai. Sicuramente è un macchinario che produce questo rumore”
“Basta! Non ne posso più! Non riesco a concentrarmi. Vado di sopra e busso”


Silenzio improvviso.
La collega scende un po’ sconvolta.
“Mi ha aperto a piedi nudi. Ha detto che il dottore le ha consigliato di camminare per attivare la circolazione. Così cammina a passo di marcia per l’ufficio”

Annunci

Conto alla rovescia

Ultimi due giorni.
Mi è stato richiesto dalla mia ex società di restituire il premio produzione del 2014, hanno chiamato anche l’altro collega dimissionario.
La risposta la potete immaginare da soli.

Sabato sono venuta a lavorare. Il mio badge non funzionava. Le guardie mi hanno dato un sostitutivo che però non apriva la porta al piano.
Ho dovuto citofonare e giustificare pure la mia presenza in ufficio.
Non ero obbligata a lavorare il week end, l’ho fatto per correttezza e per concludere il progetto che avevo seguito.
In quel momento mi sono pentita di essere una persona onesta.

Oggi sono qui per fare gli ultimi passaggi di consegne.
Non hanno fatto gli ingressi al ragazzo, che è tornato alla sua società.

Tre persone hanno preso ferie la prima settimana in cui inizio nel nuovo posto di lavoro.
Paura eh?

Sono così felice di osservare tutto ciò dall’esterno e di non subire più la loro incompetenza.

Mi dicono che sorrido troppo in questi giorni.
Chissà perché.

Matrix

Devi lasciarti tutto dietro, Neo. Paura, dubbio, scetticismo. Sgombra la tua mente.

Il corpo non ha più retto la gioia di essere uscita dal sistema Matrix così da un mese circa ho la febbre, torno al lavoro 3 giorni, ho di nuovo la febbre, torno al lavoro 2 giorni…febbre
Nel frattempo ho assistito a cose che voi umani…
Ci sono persone che credono a quanto racconto solo perché mi conoscono  e sanno che non sarei mai in grado di inventare una storia così ai limiti della decenza.
Altre mi credono solo perché conoscono le persone interessante nella vicenda e sanno che sono così pessime.

Dopo 13 giorni dall’evento “sedia” (leggere il post sotto per i dettagli) ho ricevuto una telefonata dall’essere poco umano che mi dice
Ho saputo che si è lamentata di noi
si è vero
La chiamo per dirle che non è vero che ci siamo comportati così, che noi non siamo quel genere di persone…
Senta ho la tracheite e nessuna voglia di parlare, quindi mi dica cosa vuole
Volevamo dirle che visto che lei non è contenta del nostro operato noi non le faremo una contro proposta
Ho riso. Di gusto.
Ho riattaccato e messo nell’elenco dei rifiutati tutti i loro numeri.
Per fortuna è finita e non dovrò più interagire con persone così poco professionali e veramente cafone.

Oggi le due persone a cui sto facendo passaggio di consegne sono in ferie, io vado anche ammalata per correttezza nei loro confronti e loro vanno a sciare.
Credo di aver detto tutto con questa frase. Non c’è da aggiungere altro.

Poco fa il cliente mi telefona per chiedermi i preventivi per i progetti di Maggio.

Trovo tutto ciò al limite dell’assurdo.
Per fortuna tra nove giorni tutto questo sarà finito.

Secondo voi mi chiameranno anche quando sarò nel nuovo posto di lavoro?

L’importante è che vi portate le sedie da casa

Qualche giorno fa ricevo una mail dalla società che ci subappalta che mi invita presso la loro sede.
Viene specificato SOLO l’indirizzo.
Giusto per divertirmi decido di recarmi all’appuntamento.
All’ingresso mi presento e dico che sono stata invitata presso la loro società.
Nessuno sa nulla.
Inizio già a ridere.
Mi mandano da una segretaria all’altra (da piano terra al 4 piano)
Mi chiedono chi mi ha invitato.
Faccio vedere la mail.
Telefonano.
Alla fine si presenta uno che mi chiede di seguirlo.

Certo che se vogliono farmi una controproposta già non si sono presentati bene.
Rido tra me e me.

Mi fa entrare in una stanza dove ci sono due scrivanie ai lati opposti.
Ognuna con una sedia.
Mi fa cenno verso la scrivania più lontana dicendo di accomodarmi pure.
Sto per sedermi quando mi dice
No! prendi la sedia e vieni qui

silenzio

lo guardo

penso ai corsi di comunicazione che ho fatto nel corso degli anni.
Su come presentarsi ad un colloquio, su come far sentire a proprio agio l’interlocutore.
prendi la sedia
Che mancanza di rispetto.
Quanta maleducazione!

Sposto la sedia.
L’essere poco umano telefona alla responsabile del personale.
Sento dall’altra parte una donna che risponde “non sapevo nulla, stavo andando in Brera. Torno indietro

mmmmm….
Ma che controproposta vogliono fare con queste basi?
Vediamo

Arriva , si presenta.
L’essere poco umano le dice che sono una sua vecchia conoscenza.
Rispondo che è la prima volta che ci parliamo.
Bugia 1 smascherata.
Poi continuo:
Scusate, vorrei capire perchè sono qui. Due anni fa il cliente vi ha chiesto di assumermi ma non ho ricevuto nessuna comunicazione. L’anno scorso una società che lavora con voi mi ha proposto di passare sotto di lei.
Ho accettato. So che si sono presentati qui e che voi avete bocciato il passaggio. Ora perchè siete improvvisamente interessati a me?
La responsabile del personale sgrana gli occhi.
Guarda l’essere poco umano che risponde che le due richieste si sono fermate all’ufficio commerciale perchè il cliente non era d’accordo.
Gli faccio nuovamente presente che la richiesta era partita dal cliente.
Bugia 2 smascherata.

La responsabile del personale mi dice che non hanno una controproposta in quanto non conoscono quanto mi offrono dall’altra parte.
Le faccio notare che i due responsabili che hanno fissato questo incontro sono a conoscenza di tutti i dettagli dell’altra offerta, come fanno loro a non saperlo?
Bugia 3 smascherata.

A questo punto domando “Scusate perchè sono qui?
Volevamo capire se era interessata ad una controproposta
….
Li guardo per i poveretti che sono:
Sentite avete licenziato una persona l’anno scorso. Mi sono ritrovata a lavorare per un mese tutti i week end per coprire il suo lavoro, oltre al mio. Ancora oggi faccio il suo lavoro, il mio che consiste dalla raccolta dei requisiti dell’utente alla programmazione, ai system test, alla certificazione alla messa in produzione.
Inoltre il cliente ha deciso di passarmi anche il lavoro di un loro dipendente.
Quindi al momento sto facendo il lavoro di 4 persone, sottopagata.
Negli altri team sono state sostituite delle persone con dei ragazzi giovani, impreparati. Li sto formando io.
Quindi ora ditemi, con questa prospettiva futura di lavoro, perchè dovrei rimanere?
“Se vuole poi la spostiamo su altri progetti. Guardi ci pensi. Ora dobbiamo andare, abbiamo altri impegni. Però lei ci pensi.

Si ci penso. A cosa?
Scusate non ho capito a cosa devo pensare….
Alla controproposta senza soldi?

Questo immenso show

in questo immenso show
questo immenso show
ci siamo dentro tutti ormai
guarda che lo so
ci si trucca un po’
in questo immenso show.
ma quante facce hai
quante facce hai
maschere su maschere
quale metterai
quando me ne andrò
da questo immenso show.

 


Ah come mi diverto.
Ieri si sono presentati Stanlio e Olio, la coppia descritta in questo post.
I meravigliosi subappaltatori che hanno come motto “mo’ me lo segno
Qualsiasi cosa detta finiva scritta su un fogliettino. Scrivevano eh! Un sacco.
Tutte le lamentele.
Poi il fogliettino finiva direttamente dentro il primo bidone e nulla cambiava.
Fino a che mi sono licenziata.
Oh che grande soddisfazione elencare le cose che gli avevo detto, e che non hanno mai preso in considerazione, come una delle motivazioni del licenziamento.
Vedere la testa abbassarsi e sentire un fil di voce dire “Ma la tua società non ti ha fatto la controproposta?
Non credo sappia che lavoro faccio
Silenzio…
No adesso vediamo, proviamo a sentire noi se per caso… ti facciamo sapere
Raga’ non vi ho chiesto nulla e da voi non voglio nulla.
Capiamoci. Avete avuto due anni di tempo per dimostrarmi che valevate qualcosa sia come società che come persone e avete fallito.
Fatevi un esame di coscienza e migliorate voi stessi.
Con me lasciate perdere.

Stamattina appare la mia società, to’ chi si rivede…
Ma se ti faccio una controproposta?
ahahaha
ahahahahah

Ma quando si fa una controproposta non si dovrebbe arrivare già con una proposta economica pronta?
Questi pacchettini regalo vuoti non significano nulla.
A parte il fatto che continuate a fare egregie figure di m…..

Considerazioni post licenziamento

Il cliente è tra le lacrime e le crisi di panico.
Per sei anni mi hanno detto che “purtroppo non si può assumere” adesso stanno implorando agli alti piani.
Forse dovevano pensarci prima, io di rimanere qui non ho voglia.

La mia società di consulenza ha affermato che mi sostituiranno con 4 persone.
Q U A T T R O.
Perché quando dicevo che avevo un carico di lavoro eccessivo ed ero sottopagata nessuno mi ascoltava?
Sto ancora ridendo per le 4 persone.

Il cliente gli ha risposto che 4 non ne fanno una del mio calibro.
Interessante.

Però nessuno ha mai pensato di riconoscere le mie capacità e il mio valore.

Intanto è venerdì pomeriggio e io, che mi sono licenziata, sono l’unica presente a lavorare.
Gli altri se ne sono andati a mezzogiorno.

Mi sento un po’ fessa. Voi che dite?

In ritardo…come sempre Auguri!

Caro 2018 sei stato un anno davvero impegnativo, ma devo dire che verso la fine ti sei riscattato.
Finalmente ho potuto alzare la manina e dire “ciao ciao” a questa società che mi ha rubato giorni di vita, compresi i week end, senza darmi nulla in cambio. Posso salutare i colleghi con la sindrome del genio lasciandoli alla loro triste esistenza.
Posso spiccare il volo verso altri lidi.
Tutto nuovo.
Mi aspettano un paio di mesi terrificanti prima di andarmene, ma li affronterò con leggerezza.
Caro 2019 da come ti sei presentato la mattina del 1 gennaio sembri un anno abbastanza tranquillo e sereno per me, senza grandi scossoni.
speriamo sia così 🙂

PS: per due anni non prenderò il treno!!! Grande emozione.

Buon 2019 a tutti!