Archivi

Fermate i Folletti!

Il problema è grave.
Oggi lavoravo dalla Torre (se non sai cos’è la Torre leggi il post precedente) .
No.
Non è proprio così.
Oggi mi sono recata alla Torre.
Punto.
All’ingresso mi hanno chiesto come mai il mio badge non fosse ancora abilitato, come se io fossi la Regina del Castello e avessi il potere di comandar i Vassalli.
Oggi mi sono recata alla Torre.
Punto.
Dovevo fare dei test riguardanti dematerializzazione e stampe, per accertare che i lavori procedessero bene.
Insomma pensavo di lavorare.
Voi perchè vi recate in ufficio altrimenti? Per il buonissimo caffè al detersivo delle macchinette?
Insomma dicevo che pensavo di lavorare, invece scopro che la mia utenza è bloccata e non posso accedere ai programmi che mi servono.
Posso navigare in internet, ma lavorare no.
E così inizia l’epopea dei ticket.
Apra un ticket all’assistenza cippolotti per sbloccare l’utenza
e il mio responsabile apre il ticket al posto mio, perchè con utenza bloccata secondo voi il ticket come lo apro? Con la forza del pensiero?
L’assistenza cippolotti suggerisce di aprire un ticket alla rete perchè la colpa è loro.
La rete specifica che la colpa non è loro ma di cippollotti.
Alla fine esasperata, alle due del pomeriggio, mi intrometto specificando che fuori dalla loro rete non riscontro problemi a lavorare.
impossibile” decretano i grandi geni.
Sicuramente è lei che di notte ha tentato di loggarsi alla macchina è ha sbagliato password.
Certo.
Sicuro.

Prendo il mio portatile.
Riprendo la metro.
Il treno.
L’auto.
Torno a casa.
Mi collego alla mia dsl da poveracci, che non può paragonarsi a quella della magica Torre, e….
FUNZIONA!
ma dai…. l’avreste detto?

@fiabe dei nonni

 

Nel frattempo però ho preso da parte tutti i magici folletti e gli ho fatto la ramanzina.
Insomma devono smettere di utilizzare il pc per lavorare al mio posto di notte.
Questi folletti….

Annunci

La consulente nomade

Foto scattata da me.

Il lavoro di consulente informatico già per sé non implica stare presso lo stesso cliente (e spesso la stessa regione/stato) a lungo.
Per una volta nella mia vita questo è accaduto e per sei anni sono stata nello stesso stabile fissa.
Ormai la moda italiana verte verso i grandi grattacieli e quindi il Cliente si è trasferito nella nuova e tecnologica CityLife…

E io?
Sono diventata il Consulente Dimezzato, una versione grottesca del Visconte di Italo Calvino.
Vago per Milano da un ufficio all’altro:
Tre giorni in CityLife nella Torre del Cliente a lanciare la mia treccia per far salire il cavaliere, e due giorni coi colleghi spauriti in un albergo ad ore che si definisce un coworking.
O come dico: un cow working.

Foto scattata da me.

 

Un ambiente un po’ surreale, dove alla ricerca di un caffè ti ritrovi faccia a faccia con un cane verde o una pantera…
Dove al telefono assegnato al nostro spazio chiamano persone in cerca di una società fasulla…
ci si sente un po’ come Alice in cerca della strada di casa.

Foto scattata da me.

 

 

 

 

 

 

Vivo sospesa tra i mondi in un periodo davvero surreale.

 

 

 

 

O Pamela, questo è il bene dell’essere dimezzato: il capire d’ogni persona e cosa al mondo la pena che ognuno e ognuna ha per la propria incompletezza. Io ero intero e non capivo, e mi muovevo sordo e incomunicabile tra i dolori e le ferite seminati dovunque, là dove meno da intero uno osa credere. Non io solo, Pamela, sono un essere spaccato e divelto, ma tu pure e tutti. Ecco ora io ho una fraternità che prima, da intero, non conoscevo: quella con tutte le mutilazioni e le mancanze del mondo. Se verrai con me, Pamela, imparerai a soffrire dei mali di ciascuno e a curare i tuoi curando i loro.

Il Visconte Dimezzato

Alla fiera dell’est un abbonamento il consulente comprò

Alla fiera dell’est, per due soldi, un abbonamento del treno comprai
E venne il Cliente, che cambiò idea, che cambiò ufficio e andai all’infopint che stornò l’abbonamento che alla fiera dell’est comprai
E venne il Grande Comunicatore, che si arrabbiò col Cliente, che il Cliente si arrabbiò con lui e ritornai all’infopoint che stornò l’abbonamento che che avevo stornato che alla fiera dell’est comprai
E ritornò il Cliente Infuriato che mangiò il Grande Comunicatore e che cambiò ufficio e ritornai nuovamente all’infopoint a stornare l’abbonamento che avevo stornato e ristornato che alla fiera dell’est comprai
Alla fiera dell’est, per due soldi, un abbonamento del treno comprai

Ma voi avete capito dove sarò Lunedì a lavorare?

Io no… e siamo solo alle 16 di venerdì……


La comunicazione è il nostro forte

Ci sono persone che nascono totalmente prive di empatia e di capacità comunicativa,
Non sanno assolutamente rapportarsi con gli altri e quando lo fanno si nota che è per loro uno sforzo e il messaggio che vogliono esprimere risulta deformato e sempre ostile.
Voi che lavoro gli fareste fare?
Le mettereste a coordinare un team con persone di diverse società?
Ecco… appunto

Venerdì è l’ultimo giorno presso questo edificio perchè è stato venduto,
ad oggi non sappiamo ancora dove saremo traslocati.
La mia responsabile ad un certo punto si alza dalla sua scrivania, indica il Grande Comunicatore e dice
Chiediamo a lui
E lui…
il Grande Comunicatore, secondo voi che fa?



Si è nascosto dietro al video del pc.
Fantastico.
Queste scene non le vedevo dalle superiori.
Sacchi! 3!

Nuovi schiavi

Lavori 7 giorni su 7, spesso senza pausa pranzo.
Chiedi un aumento, ti viene negato.
Viene richiesto da un tuo superiore un premio produzione. Viene negato.
Sei in ferie e ti chiedono “Quando torni?” anche se hai compilato fogli excel, mandato mail, consegnati rapportini, avvisato il mondo che andavi in ferie da X a X (dopo un anno senza una pausa, nemmeno a Natale) e messo “out of office” con data di ritorno in outlook.
Poi traslocano e lasciano noi consulenti nel vecchio edificio, senza un servizio di pulizie. E ci siamo puliti i bagni da soli…..
Poi ti chiedono se vuoi andare di là con loro e tu rispondi:
Fai quello che vuoi, io mi adeguo ma ti chiedo solo UNA cortesia: dimmi dove devo andare prima della fine del mese perchè NON voglio pagare doppio abbonamento trasporti, visto che non mi viene rimborsato. Almeno questo
Ad oggi nessuna comunicazione ufficiale.
Si vocifera che ci spostano in un appartamento (???) e forse a metà mese traslochiamo nella fighissima Torre di Mordor.
Ovviamente così finirei per pagare il doppio abbonamento.
Mi sono finalmente arrabbiata, e hanno anche il coraggio di dirmi che sono in torto perchè loro si stanno preoccupando per me.
Allora vi spiego le basi nella vita: LE AZIONI CONTANO, le parole NO.
E voi avete fatto schifo. Sotto ogni punto di vista.

E che il Karma sia con voi….. molto presto…. hihihihihihih (risata satanica)

I morti che camminano

Ciao, ti va un gelato prima delle vacanze così le bimbe si vedono?
Contatto così una mamma.
Eh ma io lavoro
Si… in paese…la gelateria è in fondo alla via dove abiti.
Anch’io lavoro
A Milano per la precisione. Hai presente la vita da pendolare?
Eh ma mio marito non c’è
E quindi?
No vabbe’ lasciamo perdere.

Mi scrive lei:
Dai facciamo dopo le vacanze
ok
Però io lavoro
Eddaje!!!! Io no.
A luglio avevo come media 10 ore al giorno pure nei week end.
No, io non lavoro guarda.
Per niente.