Archivi

Verso la stazione

immagine presa da @pinterest

Passeggiano piano piano.
Lui molto anziano, appoggiato al suo bastone, un po’ barcollante.
Il viso metà nascosto nella sciarpa.
Si ferma.
Abbassa lo sguardo e gli sorride con amore, con gli occhi stracolmi di quel’affetto che solo una vita passata insieme può generare.
Lo aspetta.
Anche il suo compagno è anziano e zoppica. Indossa un capottino che sembra fatto a mano. Con amore.
Fa fatica a procedere lungo il marciapiede. Si deve fermare col fiatone.
Lo raggiunge.
Alza lo sguardo adorante verso di lui.
Scodinzola.
Poi insieme riprendono a camminare.
Piano.
Doloranti.
Sorridenti.

Annunci

Sono giorni difficili

Cerchi Treno che non c’è, o forse c’era, è sparito. Rapito?
Chiamate “Chi l’ha visto?”
Si è perso Treno, indossava un vagone bianco e verde con la scritta Trenord.
Avevamo appuntamento alle 7.40 ma alle 8.00 ancora non si è visto.
Non riusciamo a contattare nemmeno i suoi altri amici treni, che in effetti dovevano passare di qui ma non si sono visti.
Sono fuggiti tutti?
Li hanno rapiti?
Hanno fatto la fuga di vagoni all’estero? Oltre ai cervelli fuggono anche loro?
Dateci notizie.
Noi pendolari siamo preoccupati.
Sono mesi che Treno o non si presenta all’appuntamento, o sta male lungo il percorso e si ferma a riposare, oppure ci mette due ore per fare una tratta di venti minuti.
Magari è convinto che dobbiamo andare a Firenze e cerca di rispettare quei tempi.
Insomma ditecelo che non si può più raggiungere Milano per via di terra: né con autostrade, pullman o treni.
Ditecelo che proviamo via aria e acqua.
Inizierò a risalire il Naviglio , magari risolvo il problema.

Si cercano soluzioni alternative. Treno si sa, ci sta abbandonando dopo una lunga agonia.

Avrei bisogno di un barcaiolo. Ne conoscete qualcuno? Ho provato a sentire Caronte ma ha detto che è troppo preso col lavoro.

In treno

No ma guarda tu non poi capire, ieri sera le ho detto o ti tagli i capelli o ti fai la coda. Non si può guardare una bambina che corre così tutta sudata! Aveva la fronte che gocciolava. No tu non puoi capire

Si signora ha pienamente ragione. Guardi non è accettabile che la sua bambina sudi d’estate.
Inguardabile.
Lo posso capire benissimo. Poi simette addirittura a correre e a giocare. E si diverte!
Inacettabile.
Molto meglio se sta seduta sul divano con in mano uno smartphone a farsi i selfie che poi pubblicherà per la gioia dei pedofili on line.
Sua figlia ride ed è felice.
Non va bene.
Posso compredere il suo disagio interiore veramente profondo.
Ecco guardi ho la soluzione: le dia un po’ di crakc e vedrà come risolve il problema.

Pendolarismo

Cartoons by Ron Leishman

Il pendolarismo è una malattia che se la conosci la eviti.
Purtroppo molte persone ne sono soggette.
Implica svegliarsi all’alba, infilarsi i biscotti in bocca tipo criceto e ingoiarli con un sorso di tè mentre ti vesti.
I più fortunati riescono a fare colazione al bar.
Bisogna essere pronti e svegli da subito.
Guidare come sul circuito di formula uno e correre i cento metri dopo aver parcheggiato l’auto con la convinzione che fosse Kit e facesse tutto da sola.
Pregare che le porte del treno si fermino davanti a te e saltare su, nella ressa, cercando di individuare un posto a sedere in pochi secondi perchè altrimenti è già perso.

La donna umans pendolaris è l’emblema dell’organizzazione.
Si porta da mangiare da casa, la così detta schiscia di noi gente del nord, perchè così la pausa pranzo può essere utilizzata per la spesa, farmacia, banca, posta e controllare il registro scolastico on line, fare acquisti su amazon.

Ecco perchè la donna umans pendolaris, quando iniziano a fissare riunioni sempre a mezzogiorno, diventa seriamente aggressiva.

Ogni riferimento a presone, luoghi e situazioni è puramente casuale.
Pertanto se dopo la prossima riunione fissata a mezzogiorno vi trovate l’auto rigata sappiate che non sono stata io…..

Credevo che oggi fosse giovedì

Da sabato sono ufficialmente in ferie, ma il mio unico neurione ha deciso di scioperare per sfruttamento.
Non riesce più a tenere a mente nulla e nemmeno a sopportare i colleghi di ufficio.
I soliti difetti comportamentali, che durante l’anno vengono egregiamente ignorati e accettati con un sorriso, ora sono diventati insopportabili.
Appena si avvicina qualcuno alla scrivania il mio senso di fastidio e disagio sale ai massimi livelli.
Non vi dico la gioia di fare riunioni su riunioni per organizzarsi i lavori di settembre. Sto in estasi ogni volta. Mi sveglio ogni mattina pensando “che bello! anche oggi una riunione! Evvai!”
Sono proprio felice quando suona il telefono.
Ogni volta che arriva una mail faccio la ola e mi alzo in piedi eseguendo la danza della vittoria.
Mi commuovo quando timbro l’ingresso al mattino.
Adoro poi condividere il mio viaggio coi pendolari.
Insomma sono proprio serena, felice e rilassata in attesa di mettere i miei piedini nell’acqua salata.
Ah si, unica pecca questo sfogo alla base del collo.
Il dottore dice che non c’è da preoccuparsi. E’ solo eritema da stress.
Stressata? Chi io?
Ma va!!!!

Vai avanti tu che mi viene da ridere?

Estate.
Rallentare.
Godersi la calma derivante dalla spossatezza del caldo.
Le cicale che stridono
….
Fammi guardare il calendario del centro estivo, cosa abbiamo?
Ah si, Lunedì compiti delle vacanze, bisogna ricordarsi il libro.
Martedì giochi d’acqua, richiesto asciugamano, costume e ciabattine. Un cambio.
Mercoledì piscina, ricordarsi merenda, crema solare, costume, cambio..etc..
Giovedì gita, preparare pranzo al sacco
Venerdì? Ah si, gare sportive. Pranzo al sacco….

Poi finisce che arrivi di corsa in stazione, prendi il treno al volo , stra pieno e corto perchè è estate.
Salti su e…
Dove ho lasciato Puffetta?
Non ricordo più se l’ho portata al centro estivo.
Oddio.
L’ho lasciata a casa da sola?
Oppure in macchina?
In preda al panico prendi il cellulare per chiamare tua mamma, ma hai il cellulare nuovo e non trovi i numeri in rubrica e …

ti svegli…

stamattina sono rimasta al centro estivo almeno 10 minuti a fissare Puffetta per imprimermi che fosse davvero lì e che potevo stare tranquilla.

ho bisogno di ferie….

Stanco? No oggi no (cit.)

Ore 7.30 del mattino. Nella casa di Frettolandia.
Puffetta vuoi la mela di merenda?”
No mamma
la banana?
No
lo yogurt?
No mamma
e le ficchi in cartella il succo con un tronky. Oggi niente bio. Oggi nessun prodotto certificato dalle mamme di Perfettolandia. La sacra inquisizione-vegan mi verrà a cercare.
Ore 7.45 raggiungi la scuola per lasciarla al pre.
Arriva messaggio sulla chat di classe:
Le maestre chiedono di portare solo frutta a merenda fino alla fine della scuola
Lo sapevo. Lo sapevo, che hanno messo le videocamere in ogni casa per controllarci quando sgarriamo!
Lasci Puffetta a scuola, corri dal meccanico.
Parcheggi l’auto ed entri in modalità maratoneta, una delle quindicimila personalità che convivono con te nel tuo corpo, per riuscire ad arrivare in stazione.
Non collassi per il caldo e riesci addirittura a prendere il solito treno.
Ti auto applaudi per mezz’ora, nel frattempo speri di recuperare un colorito sano che non ricordi una fetta di melone.
Ovviamente non c’è posto a sedere.

Arrivi pimpante e fresca come una rosa, afflitta dai delicati temporali di questo periodo, in ufficio.
Entri dalla porta.
Appoggi la borsa.
Ti chiamano per una call urgente.

Non so perchè, ma mi sento particolarmente stanca.