Archivi

Shopping e pazienza

Vado con una collega allo shopping club interno, presso il cliente per cui lavoro.
Dovrei cercare un portafoglio nuovo.
Ovviamente trovo una borsa che mi piace e compro quella.
Due minuti netti e ho già pagato.
Mi volto e lei è ancora lì con in mano una borsa: “La prendo? Non la prendo? Aiutami.
Aiutami? In che senso? Ti piace? La puoi abbinare con qualcosa?
Eh non sei di molto aiuto
Eh in effetti no. Non capisco il tuo problema.
Ci ripensa. La riappoggia. Ne guarda un altra.
Idem come sopra.
Riprende in mano quella di prima.
Stessa solfa.
La confronta con l’altra.
Due ore.
Inizio a picchiare il piedino e a fantasticare per distrarmi (tipo i lemmings di un vecchio giochino)

giphy
Alla fine decide:
Non compra nulla.miss-bone-133

PS: per la cronaca mi ha appena guardato e detto “No ci ho ripensato. Torno indietro e la compro

Annunci

Bloody Mary Challenge (1) – Il Labirinto del Fauno

Regole in breve(che si possono copia&incollare  QUI):
  •  Nomina il creatore della Challenge e chi ti ha nominato.
  • Usa per segnalare i post  una di queste immagini (che si possono copia & incollare da qui (fb) o qui (fb).
  • Scrivi tre recensioni (una recensione = una invocazione a Bloody Mary)  a libri o film horror spiegando il perché ti hanno colpito.
  • Avverti Bloody Ivy tramite un commento nel suo blog per la condivisione fb e inserimento link del post nell’indice.
  • Nomina per ognuna delle tre recensioni 6 blogger.
    Divertiti con l’horror!
    qui il post completo con le spiegazioni “in lungo” della Bloody Mary Challenge

dal blog http://bloodyivy.itfb_img_1484225926192

Ringrazio Bloodyivy per avermi nominato, adoro film /libri horror. Inizio subito con la mia prima invocazione/recensione. Bloody Mary!

c_fauno_poster Il labirinto del Fauno. E’ un film del 2006 scritto e diretto da Guillermo del Toro.
E’ il secondo film di una trilogia ambientata nel dopo guerra civile spagnolo.
La protagonista è una ragazzina di nome Ofelia che si trasferisce con la madre, ammalata e incinta, presso la casa nel nuovo patrigno. Un crudele e sadico capitano spagnolo.

Ofelia adora leggere libri. Pertanto all’inizio si potrebbe pensare che il mondo fantastico che vede sia frutto della sua fervida immaginazione per fuggire alla triste e crudele realtà.

 

 

“Tanto tempo fa,
nel regno sotterraneo,
dove la bugia, il dolore, non hanno significato,
viveva una principessa che sognava il mondo degli umani.
Sognava il cielo azzurro,
la brezza lieve e la lucentezza del sole.
Un giorno, traendo in inganno i suoi guardiani, fuggì.
Ma appena fuori, i raggi del sole la accecarono,
cancellando così la sua memoria.
La principessa dimenticò chi fosse e da dove provenisse.
Il suo corpo patì il freddo, la malattia, il dolore, e dopo qualche anno morì.
Nonostante tutto,
il Re fu certo che l’anima della principessa avrebbe, un giorno, fatto ritorno,
magari in un altro corpo, in un altro luogo, in un altro tempo.
L’avrebbe aspettata, fino al suo ultimo respiro.
Fino a che il mondo non avesse smesso di girare.”
Monologo inziale.

Il primo essere fantastico che incontra la ragazzina è un insetto alato che la condurrà a conoscere il Fauno, che sarà il suo Maestro nel viaggio.

Sono stato chiamato con così tanti nomi che solo il vento e gli alberi possono saperlo. Io sono la montagna, il bosco, la terra. . … Io sono un faunoimmagine_il-labirinto-del-fauno_18534

Il Fauno racconta ad Ofelia le sue vere origini: lei è una principessa del mondo sotterraneo e per tornare dal suo vero padre deve superare tre prove.

Tre prove necessarie a dimostrare che non sia diventata una mortale.

Ofelia supera con successo la prima. Inoltre, su consiglo del Fauno, riesce a portare sollievo alla malattia della madre grazie ad una radice di mandragola nascosta sotto il letto (che poi il patrigno scoprirà e la getterà nel fuoco).

labirintodelfaunoNella seconda prova Ofelia recupera il coltello, come richiesto, ma si fa tentare da una tavola bandita e infrange la regola imposta di non mangiare nulla risvegliando così  una creatura posta di guardia.

Il Fauno si arrabbia e scompare. Nel periodo della sua assenza la madre muore dando alla luce il fratellino.

Il Fauno ritorna da Ofelia e come ultima prova le impone di uccidere il fratellino nel labirinto.

Senza il sangue di un innocente difatti lei non potrà mai tornare a casa.

Le ultime scene del film sono un susseguirsi di eventi:  l’arrivo dei ribelli che vogliono uccidere il capitano. Ofelia che rapisce il fratellino e il patrigno che la scopre e la insegue per ucciderla.

Ofelia giungerà al labirinto, ma decide di risparmiare la vita al fratello. In quel momento il patrigno la raggiunge e le spara. Ofelia cade morente al centro del labirinto mentre i ribelli uccidono il capitano e salvano il fratellino.

Alla fine sarà proprio il sangue innocente e puro di Ofelia ad aprirle il portale e permetterle di tornare a casa.

Questo film può essere considerato più del genere fantastico che di orrore (spero che vada bene lo stesso). Adoro questo genere di trame (che ricordano molto Cabal di Clive Barker) dove i “mostri” non sono considerati assassini crudeli, ma bensì creature di aspetto e abitudini diverse dalle nostre. Mentre i veri mostri restano sempre gli umani che celano l’orrore all’interno della propria anima.
In particolare questo film incalza molto bene i sogni e desideri della fase adolescenziale. Dove si desidera ardentemente di appartenere ad un altro mondo. Migliore. Dove ci sentiamo accettati.
Vi è il rifiuto per la società che non ci rappresenta, per le persone che spesso si rilevano aride e incapaci di dimostrare sentimenti.

Se vi interessa approfondire l’argomento vi riporto il link ad un articolo, sulla la visione esoterica del film, che ho molto apprezzato:
https://neovitruvian.wordpress.com/2010/09/27/significato-esoterico-del-film-il-labirinto-del-fauno/

E ora tornando alle regole del gioco, riporto i sei blogger:

  1. https://hotelzeitgeist.wordpress.com/
  2. https://illaboratoriodipetunia2.wordpress.com/
  3. https://newwhitebear.wordpress.com/
  4. https://duemilaq.com/
  5. https://luciathinks.wordpress.com/
  6. https://ironiaprimaditutto.wordpress.com/

Strega comanda colore – tag #Giallo

FB_IMG_1464941860171

Giallo. Proprio il giallo dovevi scegliere bloodyivy eh? E’ stata veramente dura trovare qualcosa!
Partiamo dalla prima cosa importante:

Le Regole:

  • Usare l’immagine del Tag (ho disabilitato il tasto dx del mouse, per disincentivare gli scopiazzatori di post…  però sia immagini che regole si possono copia&incollare dalla mia pagina facebookqui qua e quo 🙂 ),  citare l’inventore del Tag (bloody ivy) e ringraziare chi vi ha nominato.
  • Trovare e illustrare brevemente:
    Una cosa che si legge (un libro, con la copertina o con un disegno in copertina dove quel colore prevalga)
    Una cosa che si indossa (capi di abbigliamento, collane, borsa, giacca, trucco…),
    Una cosa che si mangia/beve
  • Chi non riesce a trovare le 3 cose di quel colore verrà acchiappato dalla Strega!!! 🙂 🙂 🙂
    I Blogger nominati acquistano il ruolo della Strega
     (o dello Stregone) e, con la frase STREGA COMANDA COLORE, scelgono il colore a chi linkano nel Tag.

Dal sito bloodyivy.it

 

Punto primo: ti ho citato? siamo sicure? Vediamo se lo ripeto tre volte e funzione come imageBloody Mary.

bloodyivy.it bloodyivy.it bloodyivy.it

Funziona? Mmmm direi di si

 

 

 

 

 

 

 

CAM02882Punto secondo: Una cosa che si legge

Da non credere. Tutte le copertine dei libri che sto leggendo ora sono ROSSE!

E il kindle ha la custodia NERA. Quindi zero.

Poi una sera mi cade l’occhio là in alto nella libreria e… ma si!!! Le copertine di quei manga sono GIALLE! Evviva!!

Mica pizza e fichi poi. Matsumoto (Adorato Harlock) e le CLAMP con Wish.

harlock-02

f4a2a76ddb27f129024c8ee36f85cbe5

 

 

 

 

 

Punto terzo: Una cosa che si indossa

Anche qui, ragazza mia, mi vuoi proprio male.CAM02884

Mi hai visto? sono bionda con carnagione bianco mozzarella e pensi che possa indossare qualcosa di giallo? Beh per Carnevale potrei verstimi da Titti. andrebbe bene.

Per fortuna poi mi è caduto l’occhio sugli smalti e… non è proprio giallo…è oro…ma meglio di così non posso fare…

 

 

 

Punto quarto: Una cosa che si mangia/beve

images

Il mais. Lo adoro. solo a vederlo mia aumenta la salivazione. Ecco. finalmente qualcosa di giallo che mi viene in mente al primo colpo!

 

 

 

E ora la parte bella: STREGA COMANDA COLORE LILLA!

fiori-lilla_NG2Ed ecco i nominati!

newwhitebear

Opinionistapercaso

Crazyaliceinwonderland

Ora tocca a voi…..

ecca20543082eb2930144f3163f280b8

Prenderei un caffè con … #TAG

prenderei-un-caffc3a8-con

A tutti capita, prima o poi, di accettare o di proporre di prendere un caffè: per rivedersi dopo tanto tempo, per chiarire, per discutere, per affari, per una semplice chiacchierata o per una pausa. Perciò immaginate di essere in un bar del centro… come nella foto utilizzata per il TAG che tutti riconosceranno: la copertina di “Una donna per amico” di Lucio Battisti. Dunque siete in un bel posto, molto tranquillo, e avete di fronte una certa persona… che cosa gli/le direste? Non abbiate timori o remore… esprimetevi liberamente!

PRENDEREI UN CAFFÈ CON…
1- UN PERSONAGGIO PUBBLICO O FAMOSO:…
2- UNA PERSONA CHE FA PARTE DELLA MIA VITA REALE:…
3- UN BLOGGER DELLA MIA COMUNITÀ:…

Regole:
Usare l’immagine in alto
Citare e ringraziare chi vi ha nominato
Descrivere le tre diverse situazioni così come sono state organizzate
Nominare almeno 10 blogger

Ideatore del TAG: Pietro Pontrelli

Grazie a bloodyivy per avermi scelto per questo TAG. Il caffè è per me essenziale nella vita, senza sono distrutta 😀
E anche prendere un caffè con qualcuno per me è importante. Significa “eccomi sono qui, ho tempo per te. Ti ascolto”. E credetemi non è la stessa cosa che scriversi su whatsapp o telelefonarsi. Guardare in faccia una persona mentre parla, mentre gesticola , mentre sorride ha un volore inestimabile. Significa entrare in “contatto” con l’anima di chi hai di fronte.
Perchè se le parole scritte possono illuderti o imbrogliarti, i gesti non mentono.
E ora vediamo con chi berrei un caffè:
1- UN PERSONAGGIO PUBBLICO O FAMOSO:
Col Luciano. Il Liga.
Vorrei ringraziarlo. Perchè nel momento dello sconforto totale, del buio nel pozzo senza luce, le sue canzoni mi hanno fatto piangere, gridare e lottare. Mi hanno sostenuto.
Quindi vorrei proprio dirti : Grazie.
2- UNA PERSONA CHE FA PARTE DELLA MIA VITA REALE:
Oh beh senza dubbio. il Dark Boss. E’ Natale, siamo tutti più buoni. Però kazzo se avrei da dirti un sacco di paroline. E non riguardano di certo il lavoro, ma come gestisci i rapporti di amicizia. Porcapaletta. Altro che psicologo. Qui ci vuole una terapia intensiva di elettroshock.
3- UN BLOGGER DELLA MIA COMUNITÀ:
Bia! Ciao! Andiamo o no a prenderci questo caffè belle scollate in un bar del centro ? E ovviamente anche l’ammazzacaffè, un cocktail e …
E da raccontare ne abbiamo di cose!

FB_IMG_1449595016626

Nominare “almeno” 10 blogger. Aiiiiiuto. Eccoci:
1 – Mammaconlavaligia
2 – cix79
3 – alericettegustose
4 – paroleacapo
5 – laurarosa
6 – scusatesonounagemelli
7 – newwhitebear
8 – andreapac
9 – lapulcionavagabonda
10 – meandalaska

3 cose invernali #TAG

Regole:

1. Citare il creatore del tag (Una contraddizione ambulante ) e chi vi ha nominati
2. Taggare altri cinque blog e avvisarli della nomina
3. Dire tre cose che vi piacciono dell’autunno, dell’inverno… delle stagioni fredde insomma

Castagne e Vin brulè

Castagne e Vin brulè

Grazie a bloodyivy  per questo tag che mi piace tanto.
Ne avrei più di mille di cose che mi piacciono ma cercherò di raggrupparle in tre macro categorie:

1) Cibo. Potrei vivere di castagne e zucca, zucca e castagne. Ravioli di zucca, zuppa di zucca, torata di zucca, castagne e vin brulè, zuppa di castagne e porcini… devo continuare?
2) Alcool. Si ebbene si. In questa stagione si possono finalmente bere i liquori caldi: Paramapapoli, vin brulè, Hirish coffee…
3) Colori. L’autunno dipinge il mondo di arancione, rosso, giallo. Una delizia per gli occhi. La nebbia del mattino che ricopre tutto e rende tutti i suoni ovattati. Il sole che fa capolino tra il bianco illuminando debolmente i campi appena arati.
La brina invernale del primo mattino che si ghiaccia e decora i rami degli alberi con tanti piccoli cristalli luccicanti.

1)InCasinataMente
2)MiPiacerebbeAprireUnBlog
3)SindromeDaLadyOscar
4)NewWhiteBear
5)IspirazioniMetropolitane 

Tag la musica della vita

Le regole sono:

Citare il blog di partenza e chi vi ha taggati
Rispondere a 10 domande
Taggare 5 blog ed avvisarli.

Cara Bloodyivy , come un buon treno pendolare ci ho messo un po a rispondere 🙂
Grazie per avermi taggato e grazie a The Master Peach per aver creato questo tag.
Passiamo ora alle domande:

1 – La sigla preferita del vostro cartone animato?
La sigla preferita o il cartone preferito? Bel dilemma. Ultimamente sto rivedendo tutti i cartoni degli anni ottanta, merito di Puffetta 😀
Devo dire che quella che mi dà più emozioni è LUI.

2 – Canzone preferita della vostra band?
Band? si può definire Band? Uddio ogni volta che sento questo termine mi torna in mente la canzone dei Velvet  😀
La mia canzone preferita è del Liga ed è

3 – Colonna sonora dell’estate preferita?
Il mare lo associo a Baglioni. Diretto. Anche se sulla pelle in realtà mi è rimasta solo una canzone, che mi fa provare quel vuoto allo stomaco tipico dei ricordi.

4 – Una canzone che vi fa divertire?
Elio. Direttamente a lui penso.
A distanza di anni ancora sorrido , rido e cito, questa canzone ogni volta che penso ad una relazione 😀

5 – Una canzone che vi fa riflettere?
Devo essere sincera. Faccio fatica ad ascoltarla. Mi piace, ma le emozioni che mi muove dentro sono forti.

6 – Colonna sonora preferita di un film?
E’ di un film mai uscito nelle sale italiane, tratto da un libro.

7 – La canzone della vostra infanzia?
Lo prendi papà? Ora si capisce perchè tutti gli animali sperduti finiscono a casa mia.

8 – La canzone con cui scaricare l’ansia?
Dipende dall’origine dell’ansia.
A volte questa:


Altre questa:

9 – Canzone da musical o film preferita?
Eh beh. Il Musical dell’adolescenza per me è stato Grease. Avanti si balla !!

10 – La vostra attuale colonna sonora?
Minkia. Son momenti difficili.
Direi che vario un bel po. Sono alquanto psicopatica ultimamente e meteopatica senza meteo.
Devo dire che quella che mi rappresenta di più, in questo preciso istante di vita è

E ora citare 5 blog. Beh cari miei: Buon lavoro!
1 – MammaConLaValigia
2 – StatoMentale
3 – LeRicetteDiLaura
4 – IspirazioniMetropolitane
5 – LaPulcionaVagambonda

Ogni volta è stupore

Tessa Gray
Ci sono libri che sanno rapirti al punto tale da farti sentire la loro mancanza.
Mi accade con le serie. In particolare con quelle di Cassandra Clare.
E’ come ritrovare un amico.
Emozionarsi perchè lo riabbracci, respiri il suo profumo familiare e ricordi con lui un avvenimento passato vissuto insieme.
A volte scende una lacrima.
A volte abbozzi un sorriso.
Lo ricordi per come era da piccolo, lo vedi ora adulto e scorgi tratti che sono rimasti identici.
Alcuni personaggi li senti dentro, perchè ti assomigliano. Ti riconosci in loro.
Altri ti sono completamente opposti e , proprio per questo, li ami ancora di più.
Non è più leggere.
E’ sentire sulla pelle il piacere di un incontro.
Poi chiudi il libro, perchè devi scendere dal treno, e saluti con calore i tuoi compagni di viaggio.