Freschezza. Horror story sui bagni

Donne all’ascolto, questo post è per noi.
Noi che dobbiamo arrangiarci con bagni pubblici apocalittici.
Noi che viaggiamo con la pochette del sos bagno sempre super attrezzata.
Che prima di partire per le vacanze controlliamo che sia pronta ad ogni possibile evenienza.
Ecco.
Ora pensate di essere in ferie e di terminare le vostre salviettine (e non parlo di quelle struccanti).
Quelle che usate sempre, amate e fidate.
Quindi vi recate nel supermercato del luogo e cercate il sostituto che più vi aggrada.
Poi pensate di essere al mare. Di aver fatto trekking fino ad una spiaggia.
Di aver nuotato. Giocato con castelli di sabbia e di esser state sepellite vive da vostra figlia.
Ora la fame vi raggiunge.
Così, prima di pranzare, andate in bagno con la vostra immancabile borsa da spiaggia.
La borsa da spiaggia consiste in una valigia che si crede una borsa e che generalmente si porta sulla spalla fingendo una leggerezza e una disinvoltura che nemmeno il camion da rimorchio che trasporta una smart riesce ad avere.
Ma noi donne si.
In quella borsa, alleggerita dei grammi di due teli mare, si trova l’intero bagno di casa.
Mary Poppins levati che qui noi non scherziamo.
Quindi, con suddetta pochette, mi reco alla toilette del bar della spiaggia.
Il tanfo misto schiuma di mare, pesce morto nel 2003 e piscio che ti assale ti fa desiderare ardentemente di poter espellere i tuoi liquidi in altro modo.
Se Mork beveva da un dito noi non potremmo fare pipì da un orecchio? No?
Ti fai coraggio.
Poggi il primo piede e senti scricchiolare la sabbia bagnata che fa da tappetino.
Infili la mano nella mini pochette che ti porti sulla spalla e inizi la drammatica ricerca della tua bustina sos bagno.
Nella ricerca ritrovi anche gli occhiali da sole che credevi da aver perso nel 2000. Due conchiglie e una quantità di sassi da poter rifare piazza San Pietro.
Preghi che tua figlia abbia rilasciato in mare il granchio catturato mentre continui al ricerca.
Trovi finalmente le salviettine.
Effettui una pulizia dell’asse del cesso che possa superare i controlli della scientifica.
Bene.
Ora bisogna solo appoggiare la borsa.
Dunque.
L’appendino?
No, non c’è.
Il lavandino?
No, ecco mi sembra abitato. Vedo che i batteri hanno costruito un intero villaggio vacanze. E’ scortese disturbare.
oh! Il bidoncino con coperchio!
Cerchi di appoggiare la borsa mare sopra, con il risultato che ti ricorda tanto un’immagine che hai visto su facebook dove una donna non proprio esile guidava un motorino che scompariva nelle sue sinuose curve.
Allora decidi di stare in equilibrio mentre fai pipì e con una mano tenere la borsa in equilibrio sopra il bidoncino.
ok. Ce la posso fare.
Mi sono allenata anni per questo.
Rocky Balboa dei cessi.
Bene.
Ora non resta che usufruire di quelle deliziose salviettine che hai acquistato.
Rinfrescanti.
Il sapore di menta ti raggiunge le narici passando però per tutti gli organi interni.
Sei al mare, all’isola d’Elba, ma improvvisamente senti il fresco e il profumo degli abeti di Canazei.
Esci dal bagno tutta rigida e cerchi di contenere le lacrime di gioia estrema che vorresti sgorgare.
La tua amica ti guarda e chiede timidamente “Tutto bene?
Dici solo due parole “salviettine rinfrescanti
E ti capisce immeditamente.
In questi momenti la solidarietà femminile è forte.

Annunci

8 thoughts on “Freschezza. Horror story sui bagni

  1. che le donne si trascinino sulle spalle l’intera casa è un fatto acclarato. Tutto compreso.
    In piedi sulla tazza, immagino con gli zoccoli, è un prodigio di equilibrismo invidiabile.
    Le salviette rinfrescanti… è il tocco di serenità.
    Delizioso post

  2. anche io non potrei vivere senza le salviette.. viaggiando abbastanza, mi sono abituata ai bagni pubblici, anche al più disgustoso che abbia mai visto (che non descrivo..) ovvero quello della nave Bari-Montenegro. ma dico, per un proprietario di una qualsiasi attività, è così difficile tenere pulita una toilette?? e per la gente che ci va, è così difficile essere puliti e rispettosi?? purtroppo queste domande non troveranno mai risposta!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...