Archivio | dicembre 2015

Buon anno #Auguri

Mentre vedo i vostri post di saluti al 2015, che se ne va, e aspettative per il 2016, in arrivo, non posso fare altro che sorridere.
Per me questo è un nuovo inizio.
Il 2016 segna la svolta della mia vita.
Non ho aspettative. Non so che accadrà d’ora in poi.
Tutto è nuovo e da inventare.
Perchè si sa che la vita è così, una tela da pasticciare di colori ma il pennello e le tempere ce le mettiamo noi su quel dipinto in creazione.

Buona vita a voi.

scritta sul muro di casa mia

scritta sul muro di casa mia

Annunci

Prenderei un caffè con … #TAG

prenderei-un-caffc3a8-con

A tutti capita, prima o poi, di accettare o di proporre di prendere un caffè: per rivedersi dopo tanto tempo, per chiarire, per discutere, per affari, per una semplice chiacchierata o per una pausa. Perciò immaginate di essere in un bar del centro… come nella foto utilizzata per il TAG che tutti riconosceranno: la copertina di “Una donna per amico” di Lucio Battisti. Dunque siete in un bel posto, molto tranquillo, e avete di fronte una certa persona… che cosa gli/le direste? Non abbiate timori o remore… esprimetevi liberamente!

PRENDEREI UN CAFFÈ CON…
1- UN PERSONAGGIO PUBBLICO O FAMOSO:…
2- UNA PERSONA CHE FA PARTE DELLA MIA VITA REALE:…
3- UN BLOGGER DELLA MIA COMUNITÀ:…

Regole:
Usare l’immagine in alto
Citare e ringraziare chi vi ha nominato
Descrivere le tre diverse situazioni così come sono state organizzate
Nominare almeno 10 blogger

Ideatore del TAG: Pietro Pontrelli

Grazie a bloodyivy per avermi scelto per questo TAG. Il caffè è per me essenziale nella vita, senza sono distrutta 😀
E anche prendere un caffè con qualcuno per me è importante. Significa “eccomi sono qui, ho tempo per te. Ti ascolto”. E credetemi non è la stessa cosa che scriversi su whatsapp o telelefonarsi. Guardare in faccia una persona mentre parla, mentre gesticola , mentre sorride ha un volore inestimabile. Significa entrare in “contatto” con l’anima di chi hai di fronte.
Perchè se le parole scritte possono illuderti o imbrogliarti, i gesti non mentono.
E ora vediamo con chi berrei un caffè:
1- UN PERSONAGGIO PUBBLICO O FAMOSO:
Col Luciano. Il Liga.
Vorrei ringraziarlo. Perchè nel momento dello sconforto totale, del buio nel pozzo senza luce, le sue canzoni mi hanno fatto piangere, gridare e lottare. Mi hanno sostenuto.
Quindi vorrei proprio dirti : Grazie.
2- UNA PERSONA CHE FA PARTE DELLA MIA VITA REALE:
Oh beh senza dubbio. il Dark Boss. E’ Natale, siamo tutti più buoni. Però kazzo se avrei da dirti un sacco di paroline. E non riguardano di certo il lavoro, ma come gestisci i rapporti di amicizia. Porcapaletta. Altro che psicologo. Qui ci vuole una terapia intensiva di elettroshock.
3- UN BLOGGER DELLA MIA COMUNITÀ:
Bia! Ciao! Andiamo o no a prenderci questo caffè belle scollate in un bar del centro ? E ovviamente anche l’ammazzacaffè, un cocktail e …
E da raccontare ne abbiamo di cose!

FB_IMG_1449595016626

Nominare “almeno” 10 blogger. Aiiiiiuto. Eccoci:
1 – Mammaconlavaligia
2 – cix79
3 – alericettegustose
4 – paroleacapo
5 – laurarosa
6 – scusatesonounagemelli
7 – newwhitebear
8 – andreapac
9 – lapulcionavagabonda
10 – meandalaska

Bufere di neve e case

Nevica.
Guido il gatto delle nevi su per la collina.
Ho due passeggeri, un’amica infagottata e una che amica non lo è più e parla parla parla al cellulare incessantemente.
Un rumore costante, fastidioso, di sottofondo.
Arrivo in cima alla collina e la bufera è ancora più forte.
Scendiamo dal gatto delle nevi.
Scorgo il mare in lontananza.
Non pensavo che potese fare così freddo al mare.
La mia amica si avvolge bene nel giaccone e si nasconde dentro al cappuccio, senza parlare, mi segue in mezzo alla neve alta.
L’amica che non lo è più si perde nella bufera parlando al cellulare. Non credo si sia nemmeno accorta di aver fatto un pezzo di viaggio con noi.
Svanisce nella bufera.
Noi continuiamo a camminare nella neve e arriviamo alla spiaggia.
Le navi da guerra nere sfilano una dietro l’altra. In silenzio.
Come la neve.
Una figura nera è accanto a me.
Mi volto e lo saluto.
Lui sorride e torna a guardare le navi.
Poi mi indica qualcosa che corre sulla sabbia.
Sono cavalli, manto morello. Scuri nel bianco.
Galoppano in fila come le navi.
Fieri e bellissimi.

La bufera svanisce. I cavalli pure. La spiaggia anche.
Non mi piace questa cucina” dico alla figura in nero che mi ha seguito.
Siamo in una casa, che ho acquistato, la cucina è enorme e piena di nicchie. Verde e bianca.
Con travi che partono dal muro e raggiungono il pavimento. Se non si sta attenti ci si fa un bel bernoccolo.
I vecchi proprietari me la mostrano orgogliosi.
Per me è tutto da rifare. Buttare via e rifare. Da zero.
L’uomo in dark annuisce e inizia a far l’elenco dei lavori da fare.
Apriamo un demand, così lo rilasciamo in produzione entro Natale

tumblr_mz49qn51pi1qaa8cro2_250

E poi mi domando perchè al risveglio al mattino sono così stanca.