Io non faccio la spesa all’Esselunga

@internazionale oroscopo

@internazionale oroscopo

Il buon vecchio Rob suggerisce questo. Bene.
Non ho la più pallida idea di che sarò, è già tanto se riesco a capire chi sono adesso.
Figuriamoci se riesco ad immaginarmi tra due ore.
Il dark boss l’altro giorno mi ha detto che sono una contraddizione.
Vero. Ma sono donna. Le donne sono contraddittorie per natura.

Sono quella che non fa la spesa all’Esselunga, non raccoglie i punti fragola.
Oh non immaginatevi chissà quali motivazioni ecosociali, ecosolidali, ecoqualcosa.
Non faccio la spesa lì perchè è pieno di gente. E io non sopporto la GENTE.
Non amo dover litigare per una zucchina al banco verdura, o fare code interminabili per una lisca di pesce.
Mi piace camminare per i viali semideserti osservando i prodotti e immaginandomi possibili ricette.
Fermarmi con calma a leggere gli ingredienti, così da non avvelenarmi con ciò a cui sono allergica.
Accorgermi di aver dimenticato qualcosa e tornare indietro di tre scaffali senza sentirmi un salmone contro corrente.
L’indisposizione verso la GENTE non è nata con me. No.
E’ un sentimento costruito negli anni. Grazie a treni particolarmenti affollati, a spintoni, a molestatori che si strusciano, ti palapano.
A donne isteriche al telefono vicino al tuo orecchio.
La prima volta che questa avversione si è palesata è stato più di 10 anni fa.
Ero in un locale dove fanno muscica dal vivo.
Con le mie amiche.
Ballavamo in mezzo alla calca.
Dopo un secondo ho visto la mia amica per terra, ho allungato la mano per aiutarla a rialzarsi, senza capire bene come fosse finita lì. E tutto è accaduto in un secondo.
Sono stata afferrata alle spalle. Bloccata. Presa per i capelli e la gola.
Qualcuno si è arrampicato sulla mia schiena.
I buttafuori sono riuscita a staccarmela di dosso. Tra le mani aveva una ciocca dei miei capelli.
Sanguinavo dalla testa, avevo la maglietta a brandelli e segni evidenti di strangolamento.
Tutta quella violenza solo perchè lei era drogata e noi bionde.
Solo perchè bionde.
Ho avuto attacchi di panico persino quando andavo negli spogliatoi della piscina.
Se c’era troppa gente uscivo, e rientravo più tardi.

Sono quella socievole. Quella che sorride al cameriere, che fa la battuta, che scherza.
Sono quella che parla volentieri con gli estranei. Socializza.
Sono quella che ride facendo rumore. Che abbraccia con calore.
Sono una contraddizione. Si.

Nelle tue foto sei sempre dietro a qualche oggetto. Una stella. Una chicchera. Un ragno giocattolo
Si. Sono quella che nasconde il viso. Perchè ha paura del giudizio del prossimo. Perchè non le va di farsi vedere.
Perchè preferisce un nascondiglio sicuro.
E’ una contraddizione, perchè poi sei esuberante e socievole e chiacchieri sempre con tutti
Si. Sono una contraddizione.

Annunci

6 thoughts on “Io non faccio la spesa all’Esselunga

  1. Gemelli docet. Siamo fatte così e secondo il mio umilissimo parere, andiamo benone. Mi dispiace per quanto racconti in discoteca. Ma purtroppo devi comprendere e perdonare la frustrazione repressa di molti veri asociali. Un bacione!

  2. mi trovi vicino anch’io non amo i luoghi troppo affollati e le piccole botteghe sono preferite.
    Non posso fare a meno di fermarmi dinanzi alla bottega del calzolaio quando scendo in città
    buon fine settimana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...