Risvegli e incubi #Puffetta

Domenica mattina.
Ti svegli intontita. Barcolli fino al bagno come uno zombie appena resuscitato. Se ti guardi allo specchio l’aspetto è identico.
Non fai in tempo ad aprire un occhio che un “Mamma!” ti colpisce così. Alle spalle.
Uno tsunami di parole investono le tue orecchie intorpidite:
Mamma ho fatto un incubo. Io e A. eravamo invitate a cena da una signora che non conoscevamo. Poi calava la notte e c’era la luna piena e appariva una pala mannara…. mamma? Mamma non si ride! E’ un incubo!
Si scusa Puffetta. Ma com’era la pala mannara?
Allora aveva quel pezzo lì di metallo e il bastone di legno. Come quella del giardino. Poi sono apparsi gli occhi e la bocca coi denti da…da pala mannara! Io avevo paura però mi sono difesa lo stesso. Le ho chiuso gli occhi e la bocca, poi l’ho abbracciata così. Vedi? Perchè bisogna sapersi difendere. Anche nei sogni

Annunci

5 thoughts on “Risvegli e incubi #Puffetta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...