Pendolarismo (malattie strane dell’epoca moderna)

Sei lì che aspetti il treno che verrà…prima o poi.

Tranquilli. Vengo in stazione ad ammirare il panorama, mica a prendere il treno.

Tranquilli. Vengo in stazione ad ammirare il panorama, mica a prendere il treno.

Il detto suggerisce di non farsi scappare il treno, metafora delle occasioni della vita. Io, aspettando treni perennemente in ritardo, ho capito che la metafora-vita per me è ben diversa. La vita la vivo anche mentre parlotto con le mie compagne di viaggio.
In tutti questi decenni (santa polenta parlo di DECENNI!!!) di treno ho conosciuto una miriade di persone.
Per me queste attese equivalgono ad un altra vita vissuta in un mondo parallelo.

messaggi di pendolari distrutti sui muri della stazione

messaggi di pendolari distrutti sui muri della stazione

Alla biglietteria di Legnano c’è Ridge, sorridente come sempre, con i suoi capelli lunghi che han creato intere giornate di discussioni.
“Ma sono veri?”
“E’ una parrucca?”
“Ma la notte va a letto coi bigodini e la retina?”
Un giorno esco a prendere il pane, nel mio ridente paesino, e lo vedo in giro in bicicletta coi figli, piccoli Ridge cloni, anche loro con gli stessi capelli!
Il mondo è un posto fantastico.

Il signore che vedo sul treno del ritorno a casa e che assomiglia tantissimo al dottore della serie televisiva un Detective in Corsia.

Un Detective in corsia

Un Detective in corsia

UGUALE.
E anche lui l’altro giorno l’ho visto in giro in bici. Per lo shock dell’incontro inatteso ci siamo salutati come se ci conoscessimo.

E la ragazza che prende il treno coi pinocchietti e le calze di cotone sopra i pantaloni, su fino al ginocchio? Ormai ci siamo figurate che scende dal treno e parte al galoppo sul suo ronzino. La Pendolare cavallerizza. La nostra piccola Milly un giorno dopo l’altro.

Milly un giorno dopo l'altro

Milly un giorno dopo l’altro

Poi non dimentichiamoci dei vari maniaci e pazzoidi, in effetti il treno senza di loro non è la stessa cosa. Manca di sale, è insipido. Se per caso non li troviamo sul vagone un po’ ci preoccupiamo.
“Hai visto che il pazzo non c’è?”
“Non sarà mica ammalato”

Annunci

2 thoughts on “Pendolarismo (malattie strane dell’epoca moderna)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...